Ne sono convinti due giovani creativi thailandesi Seine Kongruangkit e Matithorn Prachuabmoh Chaimoungkalo, detto Brave, che hanno ideato una campagna talmente geniale da essere stata scambiata per vera e che sta girando su tutti i social. Chiariamolo subito Amburgo non è tappezzata di manifesti in cui Netflix minaccia le persone che se usciranno di casa e prenderanno i mezzi, mettendosi a rischio contagio di covid, potranno incappare nei finali di Stranger Things, La casa di carta, Narcos...

Ecco cosa è successo. Circa due settimane fa Seine e Brave, studenti della Miami Ad School di Amburgo, decidono di tornare a casa, a Bangkok: “I casi qui in Tailandia erano molto più bassi che in Germania – spiega Seine via chat – e abbiamo deciso di tornare per un po’ e ci siamo messi in autoisolamento. Appena atterrati Brave mi ha proposto di lavorare insieme a una campagna di sensibilizzazione sul covid perché aveva avuto l’impressione che non ci fosse molta consapevolezza. Così ognuno da casa sua, ma per noi è normale spesso collaboriamo con studenti di Madrid o americani, abbiamo messo insieme questa campagna”.

“Una volta finita l’abbiamo proposta a Netflix Singapore, ma non l’hanno accettata perché la loro filosofia è contrararia a ogni spoiler – aggiunge Brave sempre in collegamento chat dal suo isolamento – Quando hanno rifiutato il nostro progetto lo abbiamo messo online, ma non avremmo mai immaginato che facesse il giro del mondo e soprattutto che le persone credessero che fosse una campagna vera. Non avevamo intenzione di ingannare nessuno”.

Nel giro di poche ore, la campagna è stata pubblicata giovedì, le immagini di Seine e Brave hanno fatto il giro del mondo e loro sono stati contattati da amici, colleghi e anche dai loro professori dell’Università di Amburgo. “Sono felici di vedere che stiamo approfittando anche di questa difficile situazione rimaniamo positivi e produttivi” conclude Brave.

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui