TORINO Un drone per pattugliare la città. Dal pomeriggio di oggi, 3 aprile, nelle aree verdi del parco Colletta, Pellerina e Valentino –  Lungo Po Murazzi, entrerà in azione, nei fine settimana, un drone dei carabinieri, che consentirà di «verificare dall’alto eventuali assembramenti vietati e per i quali è difficile effettuare verifiche con le pattuglie a terra». La decisione è stata in prefettura  presa nel corso del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in videoconferenza ieri.

Gli aeromobili a pilotaggio remoto saranno uno strumento in più a disposizione delle Forze dell’ordine a Torino per le attività di monitoraggio nei parchi della Pellerina, della Colletta e lungo il Po.

Dal venerdì alla domenica, i velivoli della Drone Unit della Polizia municipale della Città di Torino si alterneranno infatti a quelli del Comando provinciale dei Carabinieri per visionare dall’alto le ampie aree verdi e verificare eventuali violazioni ai decreti e alle ordinanze relative alle norme comportamentali per contenere la diffusione del contagio da Coronavirus e, nello specifico, controllare che non si creino assembramenti di persone.

La decisione, assunta nella riunione di ieri (in videoconferenza) del Comitato ordine pubblico e sicurezza, è stata formalizzata da una specifica ordinanza del Questore di Torino, trattandosi di attività di ordine e sicurezza pubblica.

I droni della Polizia locale opereranno a supporto delle pattuglie a terra e saranno pilotati da operatori del Corpo di Polizia municipale di Torino, abilitati da Enac.

Coronavirus, Torino deserta vista dal drone

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui