Lei si chiama Ada Zanusso, ha un cespuglio di capelli bianchissimi e un sorriso che comunica serenità. Ada ha 104 anni, ed è diventata un simbolo di speranza per il Biellese. Infatti è protagonista di una storia straordinaria: perché dopo essersi ammalata di Coronavirus, aver passato alcuni giorni in bilico tra la vita e la morte, si è ripresa, è tornata vigile e cosciente, ed è guarita.

Ada vive a Lessona, in provincia di Biella, nella Residenza per anziani “Maria Grazia”, che fa capo alla Fondazione Cerino Zegna. Come tutte le RSA in queste settimane di epidemia anche questa residenza ha vissuto momenti drammatici. Almeno una ventina tra i 53 ospiti sono risultati positivi al tampone e si sono ammalati. Undici di loro erano asintomatici, ma gli altri hanno avuto pesanti difficoltà respiratore, vomito e febbre alta.

Ada Zanusso è nata nel 1916 in Veneto. Dopo essersi sposata, con il marito e con i primi due figli, decise di trasferirsi in Piemonte, alla ricerca di condizioni lavorative migliori. Giunsero nel Biellese, terra dove all’epoca era facile trovare un impiego nel settore tessile in piena espansione. Una lunga vita di lavoro, i figli che intanto erano diventati quattro. Poi la vecchiaia, la pensione e, qualche anno fa, dopo una frattura del femore, da cui peraltro si è ripresa benissimo conservando perfettamente l’integrità mentale, il trasferimento nella casa di riposo di Lessona. E nei giorni scorsi l’avventura dell’infezione del Covid 19. Un nemico subdolo che però Ada ha sconfitto. Nonostante i suoi 104 anni. 

Annunci